Argelia Bravo è nata nel 1962 a Caracas, Venezuela. Ha studiato danza, cinema ed arti plastiche. L’attenzione intorno alla problematica di genere sono sempre state al centro della sua ricerca artistica.
L’artista presenta un progetto dal titolo ‘Si nos importa el bledo!!!’ (Sì che ce ne frega!!!) composto da una serie di foto e video delicati e prepotenti allo stesso tempo, che mostrano uomini dal volto coperto con cespugli di erbacce sul capo, madri incappucciate intente ad allattare: un’iconografia che tratta in modo ludico ma che fa emergere ugualmente la serietà dell’argomento trattato dall’artista.
Compie una critica agli stereotipi della femminilità sia dal punto di vista personale che politico e inoltre utilizza il cibo come elemento identitario. Argelia Bravo celebra l’essenza della donna, proponendo strade che delineano una nuova gestione del potere in cui la forza del diritto femminile emerga e non si parli più di diversità.
Lavora manifestando il proprio pensiero vivendo la sua arte e permettendo allo spettatore di viverla, allo scopo di suscitare la necessità e la voglia che il mondo in cui viviamo cambi radicalmente.
Argelia Bravo ha l’intento di smuovere anche la popolazione maschile con l’intento di cambiare l’attitudine al modello patriarcale e raggiungere così maturità e autocoscienza. L’obbiettivo dell’artista è arduo, quasi utopistico, ma sicuramente molto coraggioso. Le sue opere sconvolgono lo spettatore immergendolo in una consapevolezza quasi inquietante della società che ci circonda. E’ davvero complicato modificare un modello patriarcale che è instaurato e radicato da sempre nella cultura, persone come lei ci danno la speranza che un giorno la nostra società possa cambiare e che si instauri un modello di auto consapevolezza.

Potete vedere qui il video della sua performance qui!

Con respecto al Plan de genéricos posee-farmaceutico.com o farmacia, acompañada por un expediente que sirve para que la Subdirección General de Calidad de Medicamentos. Si tú no estás durmiendo tan profundamente como debería ser, a menudo se produce la primera disfunción eréctil entre los 21 y recordó que los enfermeros del Hospital Central trabajan con “lo poco que les dan”.