Stocks. Temporanei presenti presso Sala Dogana è un percorso espositivo nel quale gli studenti dell’Accademia Ligustica di Belle Arti hanno sperimentato le posizioni della curatela e del processo artistico mettendole in dialogo fra loro. Una tensione verso una sintesi formale e l’utilizzo di materiali semplici collegano i vari elaborati e offrono una visione d’insieme organica e fluida.
I temi principali che emergono sono la temporaneità del momento presente e uno sguardo critico verso l’economia e il consumo. Alcuni lavori indagano il tema dell’obsolescenza programmata di PC, telefoni e tablet, dove la pressante ricerca dell’High Fidelity comporta la continua stratificazione in formati sempre più inadeguati di ricordi ed emozioni, che da un lato crea una certa disaffezione ma al tempo stesso costituisce un archivio delle nostre tracce digitali. Altri progetti sono legati alla residualità materica, scegliendo come mezzo di narrazione una voluta marginalità nello spazio espositivo. Hanno luogo anche esperienze performative e relazionali volte a spezzare la dimensione quasi sospesa dell’esposizione.

 

 

 

 

 

  • Alessia Neri, “Mo(ve)ment”, quattro video su smartphone in loop, 2019 - 2020
  • Aurora Persico, Sara Mennella, “Animalier#2 Animale chic” audio e video proiettato su parete in loop, stock footage 2019
  • Aurora Persico, Sara Mennella, “Animalier#2 Animale chic” audio e video proiettato su parete in loop, stock footage 2019
  • Aurora Persico, Sara Mennella, “Animalier#2 Animale chic” audio e video proiettato su parete in loop, stock footage 2019
  • Aleksandra Nowak, Elisabetta Todde
  • Aleksandra Nowak, “Senza Titolo”, tre tele di cotone (cm 65x90), colori acrilici e carboncino vegetale, 2019
  • Aleksandra Nowak, “Senza Titolo”, dettaglio
  • Elisabetta Todde, “Deforme”, fotografie, plastilina colorata 2020
  • Elisabetta Todde, “Deforme”, dettaglio
  • Franco Ferrari, “Fantoccio” Installazione, scatole di cartone, stand, video su tablet, loop 2019, ph Silvia Giuseppone
  • Franco Ferrari, “Fantoccio” Installazione, scatole di cartone, stand, video su tablet, loop 2019, ph Silvia Giuseppone
  • Andrea Peña-Reyes, “I was here”, nastro adesivo colorato su terra e su muro, 2020
  • Andrea Peña-Reyes, “I was here”, Virginia Bronzini, “Bl0G nnt + Bl0G”
  • Virginia Bronzini “Bl0G nnt + Bl0G”, Installazione, struttura metallica e stampe su carta formato A3, 2020
  • Virginia Bronzini “Bl0G nnt + Bl0G”, Installazione, struttura metallica e stampe su carta formato A3, 2020
  • Davide Toscano, “Pretty Innocent Airplanes”, due stampe (cm 100x150) su carta fotografica a getto d’inchiostro, 2020
  • Davide Toscano, “Pretty Innocent Airplanes”, dettaglio
  • Margherita Ferrari, “23-09-2017” installazione, terra, struttura in legno, vetro e acqua 2020 ph Silvia Giuseppone
  • Margherita Ferrari, “23-09-2017” dettaglio ph Silvia Giuseppone

 

Virginia Bronzini, Franco Ferrari, Margherita Ferrari, Sara Mennella, Alessia Neri, Aleksandra Nowak, Andrea Peña-Reyes, Aurora Persico, Elisabetta Todde, Davide Toscano

hanno curato lo sviluppo dei progetti

Martina Chiarini, Aurora Persico,Edoardo Ferrando, Valentina Biondi, Marina Danesi, , Maria Paola, Infuso, Giorgia Lombardo, Jacopo Ottoboni, Elisabetta Todde, Marta Zappa

Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova, Dipartimento di Comunicazione e Didattica dell’Arte

Sala Dogana dal 16 gennaio al 2 febbraio 2020