Loading

luglio

Cosa c’è da fare in queste giornate calde, dove al sole ci si scioglie e all’ombra si sta bene ma ci si annoia?

 

In questa piccola/grande Genova c’è un posto dove si può godere del fresco e di opere di arte contemporanea. Dove? A Villa Croce, in Via Ruffini, la struttura museale di arte contemporanea più importante di Genova, al centro di un parco e molto vicina al mare offre moltissime mostre ed eventi per tutto l’anno.

La mostra del momento è SMOKE di Mark Handforth, l’artista internazionale conosciuto per le sue opere colossali, l’esposizione durerà fino al 5 settembre 2016, noi di Blart ci siamo stati per documentarla attraverso le parole e foto per farvi capire che tipo di mostra è, e per farvi venire voglia di andarci!

_DSC0010 (2)

Villa Croce presenta SMOKE di Mark Handforth, una mostra che riunisce, opere già esistenti e nuovi lavori, creati in risposta agli ambienti del Museo.

Il titolo della mostra nasce proprio dalla fascinazione dell’artista perla resa grafica della parola “smoke” (fumo) nella segnaletica stradale americana. Per Mark Handforth, SMOKE è insieme parola, segno e indicazione di una condizione ambientale offuscata che determina la dissoluzione della forma e il movimento dei contorni.
Attraversato da continue allusioni all’estetica Pop e Minimal, il lavoro di Handforth declina il rigore di forme plastiche astratte all’interno di una dimensione figurativa immediata e riconoscibile nella quale convivono oggetti prosaici e icone universali. L’ingrandimento delle proporzioni e l’accentuata distorsione degli oggetti quotidiani trasformano radicalmente il rapporto fra lo spettatore e l’opera, mentre lo spazio in cui le sculture sono collocate viene travolto dalla loro una potente energia plastica.

_DSC0011 (3)

L’esposizione è stata creata apposta per gli spazi di Villa Croce, l’artista ha fatto vari sopralluoghi per poter allestire una mostra su misura ci racconta Ilaria Bonacossa, Direttore Artistico, per poter dare vita ad un evento unico nel suo genere e non riproducibile in nessun altro ambiente. In questo periodo è stato deciso di proporre delle mostre fresche e leggere per l’estate, nulla di troppo impegnativo ma comunque interessante!

 

Se siete interessati a visitare Villa Croce qui c’è il loro sito, si trovano in via Ruffini 3 qua nella nostra Genova!

_DSC0023 (4) _DSC0019 _DSC0014 (3)

Chi da bambino giocando coi Lego si è mai chiesto come sarebbe un muro, o una casa reale costruita con questi mattoncini colorati?

Io l’avevo fatto a quanto pare anche un ventottenne tedesco, Jan Vormann, se l’è chiesto e lo ha realizzato. Questo giovane artista va in giro per il mondo a “riparare” tutte le crepe che trova con i Lego che conosciamo e con cui abbiamo giocato, e li usa di tutti i colori, saltano all’occhio parecchio in mezzo al grigio della città! L’artista mentre realizza le sue opere si fa aiutare dai passanti e dai curiosi che si avvicinano, che di solito sono perlopiù bambini, ma anche adulti che si lasciano affascinare parecchio da questi piccoli mattoncini colorati ricordandosi di quando erano piccoli.

Lego4

Perché lo fa? Per portare un pò di colore in tutte le città che visita, per dare a coloro che fanno sempre quel pezzo di strada per andare a lavoro qualcosa di diverso da guardare, e per stupire tutti quelli che hanno occhio per i dettagli, che girando per la città si accorgono di questi piccoli mattoncini lucenti e colorati che “riparano” una crepa o completano un muro.

Lego2

Le opere sono fatte per essere distrutte (purtroppo) molte volte i Lego cadono, o vengono portati via dalle persone ma l’artista sa di questa possibilità ed è consapevole del fatto che non sono opere fatte per durare, come potrebbero esserlo delle opere di Land Art fatte di cemento. Comunque Jan Vormann ha moltissime donazioni (sia in Lego che in denaro) da parte di coloro che apprezzano le sue creazioni e che vogliono continuare a colorare la città!

Amsterdam, 19-06-2009. Design buro 'Platform21' ( www.platform21.nl ) heeft een Repair manifesto opgesteld, waarin ze oproepen tot meer reparaties. Onder het motto "Stop Recycling. Start Repairing" proberen ze mensen na te laten denken over de wegwerp maatschappij. Op de foto zie je een van hun acties waarbij de Duitse kunstenaar Jan Vormann in de Amsterdamse binnenstad een workshop geeft in het repareren van gebouwen met LEGO. Voorbijgangers en toeristen mogen meedoen (zie foto). Voor meer informatie neem contact op met Dewi Pinatih van Platform21 (0614288724). Foto: Johannes Abeling
Foto: Johannes Abeling

E se Jan fosse passato dalla vostra città ma non ve ne foste accorti?

Nessun problema, sul sito Dispatchwork c’è una mappa dove ci sono foto di tutte le opere e gli indirizzi dove sono dislocate quest’ultime! E se siete abbastanza curiosi potete andare a controllare se ci sono ancora e dare il vostro contributo nel caso l’opera si fosse rovinata!

Screen Shot 2016-07-05 at 21.32.55

 

La prossima volta che camminate per strada nella vostra città fate più attenzione, potreste notare qualcosa di insolitamente colorato su un muro.